Piattaforma Polifunzionale - DCF Group
2004
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-2004,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
PIATTAFORMA POLIFUNZIONALE
Therapy for water and soil
PIATTAFORMA POLIFUNZIONALE
Therapy for water and soil
PIATTAFORMA POLIFUNZIONALE DI TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI
Icone_Rifiuti
PIATTAFORMA POLIFUNZIONALE DI TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI
Icone_Rifiuti

Dal 2010 è attiva una Piattaforma Polifunzionale Ecologica di Trattamento rifiuti speciali non pericolosi, autorizzata con AIA, capace di trattare rifiuti liquidi, granulari solidi e fangosi.

 

La piattaforma è composta dalle seguenti linee interconnesse tra di loro:

A. LINEA ACQUE(attività di trattamento D8/D9)

B. LINEA FANGHI (attività di trattamento D9/D13/D14).

C. LINEA STABILIZZAZIONE / SOLIDIFICAZIONE / IDROLISI (attività di trattamento D9)

D. STOCCAGGIO (Attività di trattamento D13/D14/D15)

Un efficace trattamento dei rifiuti e un efficiente funzionamento delle linee della piattaforma è assicurato dalla presenta di due laboratori di analisi interni, i quali sono preposti ad un controllo e monitoraggio interno sia dei rifiuti in ingresso e sia del processo di trattamento.

PIATTAFORMA DI RECUPERO RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI (R13-R5)

L’impianto di recupero è autorizzato ai sensi dell’art. 208 del D.Lgs. 152/06 e ss.mm. ii. Le attività svolte nel processo lavorativo riguardano:

• R 13 – Messa in riserva di rifiuti per sottoporli ad una delle operazioni indicate nei punti da R 1 a R 12 di cui all’All. C;

• R 5 – riciclo e recupero di altre sostanze inorganiche.

L’impianto è costituito da n.3 distinte sezioni di trattamento:
• Selezione granulometrica ;
• Riduzione volumetrica ;
• Impianto di soil washing (SW).

L’impianto di Soil Washing ha una capacità di trattamento variabile in funzione del materiale in ingresso.

Gli aggregati riciclati/artificiali in uscita dall’impianto di recupero sono provvisti della marcatura CE secondo le norme EN13242:2002+ A1:2007 (Aggregati per materiali non leganti e legati con leganti idraulici per l’impiego in opere di ingegneria civile e nella costruzione di strade) ed EN 12620:2002+A1:2008 (Aggregati per calcestruzzo destinati alle pavimentazioni stradali e alla produzione di prefabbricati).

In conformità ai requisiti previsti dalle normative in materia di Controllo della produzione di fabbrica, è stato allestito un laboratorio tecnologico per aggregati riciclati/artificiali per le analisi granulometriche e chimico-fisiche (es. solfati idrosolubili, blu di metilene, zolfo totale, etc) effettuate con periodicità settimanali, mensili o annuali a seconda della tipologia di analisi e di aggregato (grosso o fine).